IN ARCHIVIO

PAOLO CHIASERA

29 maggio > 31 agosto 2008
a cura di Danilo Eccher

Immagine: PAOLO CHIASERA/MACRO, Forget the heroes, 2008, Still da video, Tecnica mista; 4 canali video, Foto: Luca Fontana, Collezione MACRO Museo d’Arte Contemporanea Roma

MACRO, in linea con l’obiettivo di sostenere e promuovere l’arte emergente, ospita il progetto di Paolo Chiasera basato sulla trasformazione delle teorie di 4 importanti personaggi che hanno influenzato il ‘900: Adam Smith per l’economia, Le Corbusier per l’urbanistica, Cray per l’informatica, Noam Chomsky per la linguistica. La mostra si snoda nelle due Sale Panorama: la prima con quattro video proiettati simultaneamente in loop e la seconda con la ricostruzione dell’ “officina dell’artista”.

MACRO presenta presso le Sale Panorama, spazio espositivo dedicato ai giovani artisti, il nuovo progetto di Paolo Chiasera Forget the Heroes destinato alla Collezione Permanente del Museo.

Paolo Chiasera (1978) giovane artista bolognese, è uno dei più promettenti nel panorama artistico contemporaneo. MACRO, in linea con l’obiettivo di sostenere e promuovere l’arte emergente, ne ospita il progetto basato sulla trasformazione delle teorie di 4 importanti personaggi che hanno influenzato il ‘900: Adam Smith per l’economia (economista e filosofo del ‘700 che gettò le basi dell’economia politica liberista), Le Corbusier per l’urbanistica (l’architetto della prima metà del ‘900 che ideò il piano urbanistico per 3 milioni di abitanti su un’attenta separazione degli spazi), Seymour Cray per l’informatica (ingegnere elettronico che ha progettato il supercacolo utilizzato attualmente nelle animazioni video), Noam Chomsky per la linguistica (fondatore della grammatica generativo-trasformazionale, basata sulla conoscenza innata dell’uomo dei principi universali che regolano la creazione del linguaggio).

La tesi che Chiasera presenta attraverso Forget the Heroes è che le teorie espresse da Smith, Le Corbusier, Cray, Chomsky, seppur valide e fondate, nel momento in cui si scontrano con le diverse realtà culturali, economiche, sociali che sono regolate da leggi in continua evoluzione, perdono la strada indicata dal postulato di partenza, generando perdita di controllo e conseguenze inattese.

La mostra si snoda nelle due Sale Panorama: la prima con quattro video proiettati simultaneamente in loop e la seconda con la ricostruzione dell’ “officina dell’artista”.
Nella prima sala, il video iniziale riporta la distruzione delle statue in creta a grandezza naturale raffiguranti le icone di Smith, Le Corbusier, Cray e Chomsky, e rappresenta metaforicamente la caduta delle loro teorie utopistiche.
Nei successivi due video, i primi piani ritraggono le mani dell’artista, mentre impugnano un martello per frantumare i pezzi residui delle statue e successivamente mentre stringono un bastone per mescolare una nuova materia all’interno di una tinozza. L’intento è quello di realizzare un ipnotico vortice, simbolo del melting pot di passate ideologie mescolate, al fine di crearne nuove.

Nell’ultimo video, le mani dell’artista sono intente nel plasmare una forma nuova e germinale, metafora di nuove utopie da percorrere.
Nell’altra sala, accanto a diversi disegni dedicati ai quattro personaggi e al loro operato, che Chiasera ama definire lo “storyboard sentimentale del progetto”, viene ricreata “l’officina dell’artista”. Lo spazio è quindi allestito con gli attrezzi e gli strumenti di lavoro con cui sono state realizzate le sculture.

Paolo Chiasera ha partecipato a numerose collettive, tra le quali: nel 2005 (my privates) HEROES, MARTa, a Herford e T1 – La Sindrome di Pantagruel, Torino; nel 2006 Italy Made in Art Now al Museum for Contemporary Art, Shangai; nel 2007 Laws of Relativity presso la Fondazione Sandretto Re Rebaudengo, Torino.
Tra le personali: nel 2005 Young Dictators’ Village, W139, Amsterdam; nel 2006 The Trilogy: Cornelius presso il MAMbo, Bologna; nel 2007 Tupac Project, presso LAF Limehouse Arts Foundation, Raine’s Foundation School, Londra.


Il catalogo in fascicoli da collezionare, ordinabili cronologicamente o tematicamente
INFO

Disponibile gratuitamente su App Store e Google Play
SCARICA L'APP
Martedì, mercoledì, giovedì, venerdì e domenica dalle ore 10 alle 20. Sabato dalle 10 alle 22.
Ingresso libero
LEGGI DI PIÙ

Il MACRO si trova a Roma, nel quartiere Salario-Nomentano, in via Nizza 138. Si può accedere anche da via Reggio Emilia 54.

MAPPA