Marco Bolognesi | Corpi estranei

AMBIENTE #1

3 > 17 marzo 2019

a cura di Elena Paloscia
 

Un’installazione immersiva sul tema dell’immigrazione, incentrato in particolare sul viaggio.

Uno storybord in fieri che corre lungo le pareti si popolerà quotidianamente di immagini, in una narrazione laica ma emotiva di un fenomeno multiforme che ci disorienta.

Bolognesi, che da sempre elabora in chiave allegorica il tema dell’alieno e del diverso attraverso il linguaggio ciberpunk e della fantascienza, attraverso il collage, la fotografia e il video, si cimenta per la prima volta con un evento performativo. Gessetti a polvere colorati su grandi fogli daranno forma a pensieri ed emozioni intervenendo su testi e immagini tratte da riviste e quotidiani, mentre le voci dei migranti si attivano al passaggio dei visitatori, a ricordarci che non è sogno ma realtà.

Un work in progress, in cui i visitatori saranno liberi di “violare” questo spazio intimo mediante il proprio intervento diretto sulle opere.
 
dalle ore 10 alle 13 e dalle 16 alle 19
 
 
foto di Giuseppe Saitta
 


Martedì, mercoledì, giovedì, venerdì e domenica dalle ore 10 alle 20. Sabato dalle 10 alle 22.
Ingresso libero
LEGGI DI PIÙ