REWIND/RECOUNT
Pop X / Davide Panizza

23 settembre 2020, ore 19
#Agorà

REwind/REcount è una serie di incontri per ascoltare e rivivere storie di musicisti e personaggi fondamentali della scena musicale italiana e non solo, filtrati dallo sguardo e dall’orecchio dei protagonisti. A guidare gli ospiti, attraverso aneddoti e ascolti guidati, Demented Burrocacao.

«Pop X è un vortice di azioni in continua rivoluzione il cui punto cardine è continuare a distruggere per creare».

 

Parole di Davide Panizza che tenta di inquadrare così Pop X, progetto che è impresa davvero ardua inquadrare. In ormai 15 anni di attività sono riusciti a costruire una realtà unica nel panorama italiano (e non), seguendo un percorso tortuoso ma che ha sempre mantenuto originalità e genuinità, muovendosi tra musica elettronica, cantautorato, performance e sperimentazione a tutto tondo, dall’underground più nascosto fino ai grandi palchi (e viceversa).

 

Pop X è progetto musicale, audiovisivo, performativo nato nel 2004 dall’incontro di Davide Panizza e Walter Bidone. Dopo una prima esperienza nel gruppo ska Jengyskà, decidono di iniziare a lavorare a un nuovo progetto tra musica elettronica, cantautorato, sperimentazione e rappresentazione dal vivo. I due si erano precedentemente incontrati nel 2003 lavorando come comparse presso il Teatro Sociale di Trento nell’opera di Mozart Il Don Giovanni.

Con Io centro con i missili, pubblicato nel 2009, il gruppo inizia a farsi conoscere sul web, dove il brano è utilizzato come colonna sonora dei video di alcuni youtuber. In questi anni si attiva una fitta collaborazione di Panizza con il cantautore Calcutta per il progetto Friuilli. Lo stesso Calcutta ha inoltre dichiarato di aver scritto il brano Oroscopo come regalo per la nascita del figlio del frontman del gruppo. Nel 2016 firma con la label romana Bombadischi e viene pubblicato Lesbianitj che sancisce l’ascesa del progetto.

 

REwind/REcount è realizzato in collaborazione con Toni Cutrone.

 

L’incontro si svolgerà presso la terrazza.
Ingresso gratuito.
Prenotazione obbligatoria: booking@museomacro.it